Il panettone di Variopinto

La tradizione della ricetta secolare del panettone (sulla cui origine si narrano diverse leggende) incontra il mondo in tre modi:

Anzitutto con i sacchetti confezionati dalle ragazze dell’atelier di cucito della cooperativa Bahoze. L’atelier de couture, nato nel 2009, ha dato un’opportunità preziosa ad alcune giovani, che sono state negli anni precedenti le bambine del centro per bimbe sole o abbandonate di Nyampinga, sostenuto dall’associazione Variopinto. Per loro è diventato possibile frequentare corsi e perfezionare l’esperienza nella confezione di diverse creazioni: dai capi d’abbigliamento alle borse, passando proprio anche dai sacchetti che costituiscono la colorata confezione del dolce più tipico del Natale. La costituzione in cooperativa e la collaborazione con il commercio equo in Italia e la confezione di abiti per il commercio ruandese permettono alle giovani sarte di guardare e sperare in un futuro migliore.

I bigliettini d’auguri sono invece realizzati con le foglie di banano dagli artigiani rwandesi, che coniugano nella loro attività l’abilità artistica e l’utilizzo di materie prime naturali – come la manioca (tubero utilizzato anche nell’alimentazione quotidiana) e il banano. Il preciso intaglio delle foglie di banano essiccate e la colla derivata dalla manioca permettono di realizzare biglietti d’auguri ecosostenibili che riproducono le immagini più significative della Natività e del Natale.

 



Con il contributo di